Williams. La storia mai raccontata della famiglia che ha cambiato il tennis

Non c’è niente di meglio di un giornalista sportivo che si riunisce per raccontare la storia della dinastia Williams, Matteo Renzonie un romanziere storico, Andrea Fredianico: primo, perché il soggetto è la famiglia che ha creato le due campionesse di maggior successo nella storia del tennis femminile, secondo perché la loro storia attraversa diverse fasi della storia americana, e in particolare la vita del padre e mentore è un vero romanzo. È certamente vero parlare di una dinastia, dove verrebbe da pensare che la storia abbia inizio con il bisnonno di due sorelle.Un servo ancorato alla terra di un proprietario terriero bianco che lavorava in Louisiana all’inizio del 1900, quando i fuorilegge bianchi del Ku Klux Klan scoppiarono senza punizione nel profondo sud degli Stati Uniti.

,Re Riccardo“spiegato abilmente Premio Oscar 2022 Will Smith nasce da madre single nel mezzo della seconda guerra mondiale, e deve sviluppare una personalità forte, anche spietata, perché affrontare gli abusi dei neri nella loro cittàSopportare la povertà in cui la sua famiglia è stata rovinata, sopportare il dolore di vedere i suoi tre migliori amici uccisi dal KKK, morire uno dopo l’altro e sopportare prima che compia diciotto anni L’indifferenza della polizia, E infine teatro di una marcia per i diritti civili promossa da Martin Luther King, prima a Chicago negli anni Sessanta in cerca di fortuna, e poi a Los Angeles dove bande criminali si dividono il territorio.

Eppure Richard Williams riesce a creare una ricchezza e uno status sociale invidiabili per un uomo di colore. Ma questo non gli basta. Richard vuole lo stesso benessere che avrebbe un uomo bianco pieno di iniziativa come lui, e non ha mai evitato di sviluppare nuovi modi per fare soldi per crescere dal punto di vista della gente.Per dare alla tua famiglia le migliori possibilità della vita. E finalmente trova la chiave del tennis, sport che ha completamente trascurato per i primi quarant’anni della sua vita. E creare un progetto basato sulle figlie appena nate. Richard è in grado di imparare a suonare in pochi mesi, spingendo sua moglie Oracene a fare lo stesso, e inizia un programma esauriente di 78 pagine per assicurarsi che le sue due figlie, Venus e Serena, non solo siano forti, ma anche le più forti.

Sembrerebbe l’immagine di un pazzo, invece è un Il progetto è stato portato avanti con coerente chiarezza e volontà di ferro, Nonostante le tragedie vissute in famiglia, Richard è costretto a crescere le sue figlie in circostanze estreme, in un ghetto dove sparano nelle fattorie per addestramento, dove spesso devono combattere contro le bande. spazio da dare a due bambine, Venus e Serena sono maturate senza odiare il tennis né i loro genitori, ad esempio, lontano dal rapporto conflittuale che Agassi legava al padre,, La pedagogia di Richard è semplice ed efficace: Se vuoi che i tuoi figli facciano lo stesso, devi esporti in prima persona e devi mostrare loro come seguire, non supportarti. E così Mr. Williams ha trasformato la famiglia di surfisti in uno dei miliardari e influencer più seguiti al mondo. Con un montaggio parallelo tra le avventure di Richard nella società razzista nordamericana e le vittorie sul campo di due grandi campioni, Renzoni e Frediani Newton ricostruiscono per Compton – un libro disponibile nelle librerie e nei negozi online – I successi e le tragedie della famiglia Williams in un modo elettrizzante e frenetico degno di un romanzo thriller,

Argomento: Williams
casa editrice: Newton Compton Editore
collana: volti della storia
Autore: Matteo Renzoni, Il giornalista di Sky Sport coordina i talk della domenica mattina e del pomeriggio. Ha commentato diverse edizioni di Wimbledon. Collabora con il mensile “OK Tennis”. Questo è il suo terzo libro dopo “Kolpi Di Sina” e “I Made Thirty One”.
Andrea Fredianico, Storico e romanziere pubblicato in tutto il mondo, ha scritto più di sessanta romanzi e saggi storici e ha venduto quasi due milioni di copie solo in Italia. È anche un grande appassionato di tennis, che ha praticato in forma semicompetitiva in tenera età.

Leave a Reply

Your email address will not be published.