Totti dà una manata ad Amico nella finale di Supercoppa: accuse e polemiche

Le calcio se non fosse che fosse stato delle migliori, nonostante poi si trattasse di un certo prepotenza, nonostante poi si trattasse di un certo prepotenza Francesco Totti, Insomma, la scena vista in questa sfida e ripresa dai presenti, che ne hanno dato visibilità sui social, non stata tra le più edificanti per una finale di Supercoppa che, tra Roma e Laziosi poi conclusa a favore dei biancocelesti per 4-2.

Supercoppa calcio a 8: con Totti anche il sindaco di Roma

Eppure il sindaco neo eletto della Capitale, Roberto Gualtieriera intervenuto con le migliori intenzioni e sui suoi canali ufficiali aveva elogiato la competizione lodando la sportività e l’importanza di un evento a cui ha preso parte l’ex capitano della Roma.

“Bella serata di sport ieri sera allo storico campo Roma di San Giovanni per la finale di Supercoppa di calcio a 8 tra Totti Sporting Club C8 e la Lazio c8. Sono affezionato a questo campo, perché questo stato anche il mio quartiere. Con Francesco Totti abbiamo frequentato le stesse scuole e proprio in questo quartiere il grande Capitano ha tirato i primi calci di pallone. stato insieme divertente partecipare alla partita, sorridere e scherzare tutti. La bellezza dello sport anche questa. Complimenti alla Lazio per la vittoria 4 a 2!”, stato postato sull’account ufficiale del primo cittadino romano.

La manata di Totti a Tomas Amico

Poco dopo il gol che poi ha deciso il risultato finale, Davide Moscardelli ha conquistato un interessante calcio di punizione sulla trequarti ma proprio in quel momento si accende una piccola rissa perché erano tutti sul pallone.

In quel momento Totti ha colpito con una manata Tommaso Amicoche ha messo a segno una tripletta, ma nonostante la situazione sul punto di degenerare non successo nulla di grave grazie, grazie alla conciliazione dei componenti delle due squadre.

La polemica del Lazio

Non poteva mancare le polemiche, a seguito di un simile episodio e così la Lazio ha sottolineato la mancata assegnazione del MVP al suo giocatore:

“Lo hanno rincorso, circondato, placcato e colpito, ma tomas amico ieri sera era semplicemente imprendibile. Il centrocampista biancoceleste ha fatto una partita devastante, ha firmato una splendida tripletta, ha corso come se avesse il Diavolo alle calcagna per tutta la gara, ha firmato assist e contenuto l’offensiva del Totti Sporting Club. Un Tomas Amico imprendibile, dicevamo, tant’è che durante i festeggiamenti ho fatto fatica perfino io a bloccarlo per fargli una sacrosanta intervista legittima dal suo essere stato, senza dubbio alcuno, il migliore in finale italiana. Non ce ne voglia lo tecnico che ha invece deciso di assegnare il premio ad un atleta del Totti Sporting Club, ma quando un calciatore decide una finale con tre gol ed una prestazione perfetta dall’inizio alla fine , non pu premi non come es manse può della partita”.

Insomma, la tensione dal campo statale traslata sul piano della comunicazione con un puntuale ed efficace attacco frontale all’ex numero 10 giallorosso, per poi trovare un alloggio sui social.

L’accusa dell’allenatore della Lazio, Daniele Chilelli

La questione, come spesso avviene in quest’era segnata dall’avvento delle piattaforme social, esploso per il durissimo commento da parte dell’allenatore della Lazio calcio a 8, Daniele Cilelliche con un post su Facebook ha attaccato duramente Francesco Totti:

“Non sono bastati 100 bambini di età media 10 anni a farti smettere di fare queste pagliacciate… Lazio nn può iscriversi al campionato’ … siamo contenti di questa ennesima coppa in faccia perché ci godiamo sempre noi la festa organizzata per te … cronaca quel ragazzo che provi a dare un cazzotto si Tomas Amico che oltre ad averti sverniciato più volte di un’educazione che tu non puoi anche chiamare”, si legge.

Una chiosa che, fino a questo momento, non ha ancora ricevuto repliche dal destinatario il quale ha preferito non replicare.

VIRGILIO SPORT

,

Leave a Reply

Your email address will not be published.