Serie B – 33° Turno: Risultato

Davanti a Berlusconi, la squadra di Stropa ha interrotto gli allenamenti nel primo tempo. Nicolas ha negato Corini Joy nel main match. Spettacolo al Tardini: Parma-Como 4-2. Pari anche la sfida salvezza Vicenza-Crotone

Michele Antonelli-Francesco Pietrella

Il poker del Parma contro il Como si apre mercoledì in Serie B, ma la festa dei gol finisce lì. Due 0-0, Cittadella-Perugia e Pisa-Brescia, poi due guizzi di Monza ad Ascoli. I giocatori di Stropa sono a tre punti dal primo posto. Finisce 1-1 la sfida di liberazione tra Vicenza e Crotone.

Parma come 4-3

,

Una stagione al di sotto delle aspettative per il Parma, che arriva al rush finale con un margine di errore vicino allo zero per tornare in corsa per i playoff. Meno pressione per gli uomini di Gattuso viste le emozioni dopo il successo nel derby con il Monza. Prima occasione di Tardini per il Como dopo 10′. Il cross di Vignali taglia sulla destra e sulla spalla di Parisini: Palla alta. Una scintilla gialloblù al 18′, “Mudo” Franco Vazquez con il sinistro dal limite, viene parato da Gori. A metà dell’andata il Parma prende il controllo del gioco e prova con il destro ad incrociare Burnaby, a pochi centimetri dal palo. L’1-0 arriva alla mezz’ora: palla in mezzo all’uomo, buon sinistro di Vazquez nella caduta e palla in rete con una decisa deviazione di Vignali, che non lascia scampo a Gori. Como prende le misure e risponde al 39′ con un destro al volo di Ceri, ben servito da Iovine: tiro potente ma centrale, reazione sicura del turco. Un minuto dopo il protagonista è ancora piazza Bernabé del 2001, che stampa intorno alla piazza a sinistra. Le squadre si riposano 1-0 e l’inizio del secondo tempo è ancora gialloblù, con il rasoterra di Benedijk neutralizzato da Gori (49′). Il Como non c’è e risponde subito con un colpo di testa di La Gumina: Palla fuori. Il sorteggio arriva all’improvviso. Il lancio di Iovine su Gliozzi nel 61 coglie di sorpresa la difesa emiliana: l’attaccante indovina i turchi e fa 1–1. Sei minuti dopo Parisini mette a segno il tiro perfetto e serve Gliozzi senza pietà nell’inserimento per il doppio individuale: 1-2 dopo 50 palla al piede. Como in avanti e sceneggiatura invertita. Il Parma reagisce e si riprende con un’impresa di Burnaby su punizione, chirurgico nel colpire Gori sul primo palo (76′). Replay dopo 4′: stessa tessera, cambio angolo, stesso risultato e doppietta per Barca Scuola Classe 2001. La squadra di Gattuso non si riprende e perde a ben 5′ dal termine, con il poker di Tutino più veloce di tutti ad approfittare di un rimbalzo in area di rigore. Il terzetto di Gliozzi ad inizio ripresa dal dischetto, ma non basta. Il Parma, imbattuto nelle ultime nove partite, sfrutta la sconfitta del Frosinone e si avvicina alla zona playoff, ormai a sei punti di distanza.

Cittadella-Perugia 0-0

,

Chichizola ha salvato Perugia dalla seconda sconfitta in quattro partite. Il numero uno dell’Argentina, da 5′ finali, fa la parata di giornata su del Fabro e regala un punto all’Umbria, nona su 48. Partita avara con grandi occasioni: al 33′ Laribi rovina il vantaggio, parato da Kastrati (29′) su colpo di testa di De Luca. Prima del miracolo di Chichizola, però, un’altra buona occasione per Citadella con Lores, tiro di sinistro dal limite, ma nel finale finisce 0-0 a Tombolato. I veneti, dopo aver sprecato due punti cruciali nei playoff, sono ora 11° con 45 punti (il Frosinone è a -6). I ragazzi di Gorini non vincono da 7 partite.

Vicenza-Crotone 1-1

,

In manti vincono le emozioni. Chance, Chance, Miracle, Red e finalmente finisce 0-0. Un comune che è meno utile per entrambi. Il Vicenza inizia la partita con l’autogol di Schnag, che invece di indovinare Teodorcic lo lancia nell’autogol della mezz’ora. Angolo destro di Craco, Festa non esce e il Vicenza ne approfitta. Dura poco: al 40′ Maras – servito da Congiano – trova un corner destro con un sinistro forte e preciso in corner. Al 44′ anche il Vicenza resta in dieci per l’espulsione di Schnag, a completare il numero della serata. L’occasione più clamorosa è per i padroni di casa e arriva dal 20′. Magiorini, completamente solo, colpisce un palo vuoto dalla destra su un cross che attraversa il campo. L’ultimo spacca una traversa con Congiano (85′) nel crotone, neutralizzato da Festa (88′) prima della destra da Magiorini. un punto ciascuno. Vicenza 25 punti in zona playout, 21 a Rosabola in zona retrocessione.

Monza-Ascoli 2-0

,

Un altro paio di Monza torna a casa. Ora sono a 3 punti dalla vetta (Cremonese) ea 2 punti dalla seconda squadra detenuta dal Lecce. Valoti e Gytkjaer hanno condotto l’Ascoli 2-0 e incassato la sconfitta con il Como. Il primo gol è del nono Valoti in campionato. Al 15′ su punizione di Barberis dai venticinque metri, Guarana salva ma la palla finisce ai piedi dell’ex Spall, che sulla ribattuta porta il Monza in vantaggio. Gytkjaer raddoppia su rigore (fallo di Botteghin su Ciurria al 27′). Il danese ha spiazzato Guarana e ha segnato il suo settimo gol in campionato. Nella ripresa l’Ascoli ha provato ad alzare la testa, ma non è successo. Al 48′ i bianconeri chiudono 2-1: nel tentativo di anticipare Saric, Gitkjaer centra la prima metà della trasferta. Final Thrill, tre punti su Monza. L’Ascoli è settima in mezzo alla zona playoff con 52 punti.

Pisa-Brescia 0-0

,

Secondo 0-0 di giornata. Guardando alla Serie A, il big match finisce in pareggio. Il Brescia di Corini ci prova più volte ma non punge, complice anche Nicolas in stato di grazia. ‘Miracolo del portiere toscano sul ricavo al 17, poi altro intervento su Van de Louie al 45’. Il Pisa gioca con Puskas al 54′, ma Joronen difende in corner. Il brivido finale del match è in rosso per Lorenzo Lucca, entrato nel secondo tempo e fuori porta da ottobre (gamba troppo alta). Pisa è quarta con 58 punti, Brescia sesta con 57, a poca distanza.

Leave a Reply

Your email address will not be published.