“Mourinho uno dei migliori al mondo. I tifosi sempre al mio fianco”

Nicolò Zaniolo ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali Uefa. Queste le sue parole:

Riavvolgiamo il nastro e torniamo alla partita contro il Bodø, raccontaci i tuoi gol. Iniziamo con il primo.
“E’ stata la partita perfetta. Abbiamo fatto la fase difensiva e la fase offensiva in eccezionale. Per quanto riguarda la tripletta sono molto felice perché ho sostenuto la squadra a vincere la partita e passare il turno. quando vedi Lorenzo che ti guarda devi partire soltanto perché poi la palla ti arriva…”.

Sei partito anche qualche minuto dopo sul grande assist che ti ha servito Zalewski.
“Anche lì ‘Zale’ ha fatto una grandissima cosa, ha fatto la transizione offensiva perfetta: poi ho visto lo spazio alle spalle del difensore e mi ci sono buttato, devo dire che stato bravissimo lui a dare la palla e bravo a dare la palla “.

Bella la conclusione anche in occasione del 4-0, il tuo terzo gol personale.
“Sì, sapevamo che il Bodo sarebbe venuto con la linea difensiva alta e quindi ci lasciava molto spazio alle spalle. perfettamente!”

Era dal 23 gennaio che non segnavi, dalla partita contro l’Empoli: qual la prima cosa che ti passata per la mente quando hai segnato il primo gol?
“Non mai stato la mia ossessione il gol, anche perché preferisco fare una grandissima prestazione e vincere la partita anche non segnando. Per fortuna sono riuscito a fare tre gol e ad aiutare la squadra, quindi sono ancora di. mai stata una mia ossessione.

E’ stata la tua prima tripletta nella Roma e anche la tua prima in carriera: l’avevi immaginata così?
“L’avevo sognata così! Non l’avevo immaginata. Stadio pieno, 65mila persone e quarti di finale di una coppa europea, partita decisiva dell’anno. Sì, l’avevo sognata così. Dico la verità, a inizio partita era difficile pensarlo, che potrebbe succedere, però alla fine ci sono riuscito e sono felicissimo”.

Calcisticamente parlando si può definire quella contro il Bodo la notte più bella della tua carriera ?
“Sì, direi che stata una delle notti più belle della mia carriera. ora. Anche perché si tratta di tre notti europee”.

José Mourinho: come lavorare con lui, com’è il vostro il vostro rapporto e quali consigli ti dà?
“Mourinho uno dei più forti allenatori al mondo! Ha inculcato a tutti l’arte del non mollare mai, dell’essere sempre sul pezzo, dell’unirci l’uno per l’altro per portare a casa i risultati. vincere con lui .possibilità”.

La semifinale contro il Leicester: che tipo di impegno ti aspetti?
una semifinale europea. Il Leicester una squadra forte. Corrono tanto, sono una squadra fisica, la classica squadra inglese. Noi però siamo forti, siamo la Roma, abbiamo dimostrato quest’anno di potercela giocare con tutte: non abbiamo paura, andiamo a giocarci la partita con le nostre carte e con i nostri mezzi.

Che cosa significherebbe per vincere un trofeo europeo?
“Sarebbe motivo di grande orgoglio, sarebbe un punto di partenza e non un punto d’arrivo. Per i tifosi significherebbe tantissimo, come per noi! 14 anni di attesa per un titolo sono un po’ troppo tempo. Quindi noi quest’anno ci proveremo a portarlo a casa.i tifosi devo solo ringraziarli.

Leave a Reply

Your email address will not be published.