Lux Chieti inizia bene la fase a cronometro contro l’Orlandina

A2 - Lux Chieti inizia bene la fase a cronometro contro l'Orlandina

Lux non tradisce le aspettative: in una serata di festa, i biancorossi vincono il primo importantissimo match della prima cronoscalata in assoluto contro l’omonimo Capo d’Orlando. Il miglior marcatore dei Teatini è Meluzzi (22 punti), con 19 risposte individuali per il siciliano in formazione. Dopo un’emozionante festa con il Comitato Centenario del Chieti Calcio, Lux è partito con il giusto atteggiamento e con un Super 8-0 di Bartoli e Sims, coach Cardani è stato costretto al timeout dopo appena 3 minuti di gioco. Poser sblocca il punteggio della sua squadra con un 1/2 dalla lunetta ma un 2+1 di Meluzzi per Theatins in doppia cifra (11-1 alle 06:50 del primo mini intervallo). Capo d’Orlando prova a contrastare con un’ottima prestazione individuale di Poser, ma Lux sblocca anche da oltre l’arco, e con le bombe di Meluzzi e Amici va a toccare il +13 a 03:28 dalla fine del primo periodo. a ( 22-9). Nonostante il vantaggio in doppia cifra, coach Calvani non si accontenta dopo alcune palle perse ea 2:32 dalla fine del quarto chiede un minuto di squalifica. Chieti continua a difendere aggressivamente e Orlandino dà sfogo all’attacco e il primo pezzo si chiude con le triple di Sims e Meluzzi e Basket del Re sulle sirene: il decimo è 28-11.

Il secondo quarto si apre con un Capo d’Orlando decisamente più attivo in fase offensiva, grazie al 2+1 della tripla di Re e Regianni, ma i facili canestri di Meluzzi e Bartoli vedono Mister Cardani affrontare più tardi un nuovo minuto di squalifica. per Minuti (32-17) dalla ripresa del gioco. Chieti non è precisissimo a cronometro fermo ma Capo d’Orlando ne approfitta poco: a metà del secondo quarto Capo d’Orlando cambia quota a -12 dopo non aver realizzato il 2+1 Let’s di Vecerina (35-23). La risposta di Lux, tuttavia, è vigorosa e, con amenità, i biancorossi raggiungono 17 punti di vantaggio (40–23 a 4:03 a fine periodo). Poser continua ad incantare Paltrickle con il suo ottimo uso del piede pivot, ma il gioco di Lux è davvero civettuolo e a 1:25 dalla lunga pausa, Theatins raggiunge i 50 punti (50-32).

Capo d’Orlando prova a ricucire il distacco a fine periodo ma Chieti risponde con una botta e al ventesimo il risultato è 54–37. Lux riprende a premere il piede sull’acceleratore e, insieme ai suoi due americani, tiene un break di 6-2 (60-39) dopo meno di 2 minuti. Capo d’Orlando si rifugia aggressivo nel suo re spauracchio e, dopo soli 4 minuti e mezzo di gioco, è un parziale di 63-48. Jackson esibisce il fondo ma la bomba a metà campo su corner di Mack costringe coach Calvani al timeout (65-51). Chieti inizia subito a ringraziare Sims e il solito Meluzzi e, a 2:25, è un parziale di 72-58. Capo d’Orlando gioca a cuore e dimostra di essere venuta in Abruzzo per andare a casa con un palio da due punti riportando -10, ma un canestro alla sirena di Amici riporta la lunghezza tra le due squadre a 12 (76-64).

L’episodio finale vede Trainee e Amy entrare in un avvincente gioco uno contro uno dal punto di vista costruttivo e così, dopo soli due minuti di gioco, il risultato è 80-67. Alle 06:44 della fine della partita, Lux è stato espulso per totali tecnici e non, con un risultato di 80–72, perdendo contro gli stessi Amici. Chieti è brava a non sfaldarsi e, nonostante diversi errori dal basso, con Bartoli e Sims ancora una volta riesce a scavalcare il vantaggio in doppia cifra, permettendo a coach Cardani di andare in timeout alle 04:33 a fine partita. (85-72). Capo d’Orlando, invece, è bravissima a non mollare e, grazie ad una stagista da sogno, si riavvicina a solo 3 minuti dal termine del match (84-79). Nel momento più difficile della partita, due americani di lusso rompono una pericolosa situazione di stallo e portano la squadra sulle spalle: alle 01:12, coach Cardani chiede un nuovo minuto di squalifica sul 91-81. Mack è l’ultimo ad arrendersi alla sua squadra, ma Lux ha freddo con il cronometro che si ferma: il risultato è 99–89 alla sirena finale.

(28-11; 54-37; 76-64)

Pallacanestro Lux Chieti 1974: Graziani 6, Meluzzi 22, Klacker 0, Jackson 11, Dincic 1, Cocciareto NE, Bartoli 19, Sims 20, Tsetserurkou, Emici 18. Infodrive Capo d’Orlando: Diof 0, Mach 16, Ellis, Bartoli 5, Lagano NE, Poser 17, Telesca NE, Verecina 1, Reggiani 3, Traini 19, Re 17.

Leave a Reply

Your email address will not be published.