Lazio-Milan 1-2: gol di Immobile, Giroud e Tonali. Rossoneri di nuovo in vetta

Biancocelesti piegati nel recupero e nerazzurri di nuovo a -2 in classifica. Nel primo tempo gol di Immobile, a inizio ripresa il pari di Giroud

Derby di Coppa Italia e successo – netto, autoritario – sulla Roma: il doppio cazzotto sferrato dall’Inter in settimana poteva essere da knock out. Il Milan invece non solo rimasto in piedi, ma con i due ceffoni tirati alla Lazio ha concluso il weekend alzando le braccia al cielo. Estasi pura, per com’ maturata questa vittoria. Non sappiamo la valenza che avranno questi tre punti il ​​​​22 maggio, ma conosciamo quella che hanno adesso: enorme. Perché il Diavolo ritrova se stesso proprio nel momento in cui la classificazione stava iniziando a prendere le sembianze di una mezza condanna. E invece. Invece di nuovo controsorpasso, con i nerazzurri ricacciati a -2 in attesa del recupero col Bologna, cosa che riconsegnerà alle milanesi lo stesso numero di partite a quattro gare dalla fine. Il Milan rimette le mani sullo scudetto al minuto numero 92 e anche questo ha una valenza evidente, segno di una squadra che non si arrende e rifà il pieno di autostima la brutta avventura nel derby. A segno immobile dopo quattro minuti, pareggio di Giroud a inizio ripresa e zampata vincente di Tonali in pieno recupero. Gode ​​anche Ibra, che serve il compagno per il gol della vittoria, e hanno gli oltre diecimila appassionati che colorato di rossonero un Olimpico orfano del fronte caldo del tifo laziale, in rotta di collisione con Lotito. Ma la classifica rossonera offre un ulteriore, fondamentale spunto: la sconfitta della Roma aveva infatti consegnato ai rossoneri, a sott’acqua dal con la Lazio, la certezza aritmetica di partecipare alla prossima Champions.

Le scelte

,

Sarri al termine di una settimana complicatissima alla fine ha potuto rimettere mano sui suoi uomini di riferimento. Al centro della difesa per esempio il tecnico biancoceleste ha recuperato Patric, e in mediana nessun problema per Milinkovic. Tridente affidato a Felipe Anderson, Immobile e Zaccagni. Va bene anche Strakosha. Pioli recupera Romagnoli, Rebic, Castillejo e soprattutto Ibrahimovic, ma perde Bennacer. Un’assenza pesante, visto il brillante stato di forma dell’algerino. E così, mediana obbligata con Kessie accanto a Tonali e Diaz al centro della trequarti. Messias, vincitore di giornata nell’eterno ballottaggio con Saelemaekers, alla sua destra. Davanti a Maignan la diga Kalulu-Tomori. O meglio, c’era una volta la diga. Perché, così come nel derby di Coppa, anche stavolta la fase difensiva rossonera non è stata all’altezza. Sicurezze smarrite, movimenti sbagliati, incertezze nei posizionamenti: difficile spiegare l’involuzione del Milan là dietro, ma stata una pecca con la quale la Lazio ha pasteggiato subito. Sono stati sufficienti quattro minuti per buttare giù un’impalcatura diffensiva che ha somigliato alla casa di paglia dei tre porcellini. Un soffio di Milinkovic sulla destra, cross per Immobile a rimorchio, ed venuto giù tutto. Fra Kessie, Hernandez, Tomori e Kalulu, tutti coinvolti a vario titolo, stata una galleria degli orrori. Una lama entrata nel burro caldo. Scorie dell’ultimo derby? Può darsi, perché anche dopo il Milan è rimasto piuttosto contratto. Impossessandosi, s, del pallone, ma con un giro palla scolastico, ricorrendo a lanci lunghi sconclusionati ed esponendosi alle ripartenze micidiali dei padroni di casa. Particolarmente incisivi sulla destra col treno composto da Lazzari (discese devastanti), Milinkovic e Felipe Anderson, molto intelligente a liberare spazi, evitare di intasarli e dare una mano in copertura.

corde giuste

,

L’ottimo funzionamento della catena di destra laziale ha praticamente smembrato quella sinistra rossonera per una buona metà del primo tempo, con Hernandez che è riuscito a infilarsi di rado, e quando l’ha pi ll cis fatto . Anche perché Kessie ha appoggiato poco e male la manovra: primo tempo inguardabile per l’ivoriano in uscita da Milanello. Altri assenti ingiustificati? Senz’altro Diaz, ancora una volta incapace di trovare luce fra le linee. Il più pericoloso stato Leao, che si acceso a metà frazione e ha fatto venire i brividi almeno tre volte a Strakosha, sbagliando però le modalità delle conclusioni. Milano comunque vivo, specialmente nell’ultimo quarto d’ora. Ci volle però un grande intervento fuori area di Maignan su Immobile lanciato a rete, per proteggere la porta rossonera, mentre Strakosha ha disinnescato una punizione infida di Hernandez. Il Milan ha chiuso i primi 45 schiacciando la lazio negli ultimi trenta metri (forti proteste rossonere per un braccio di Luis Alberto in area) e attenzione alla dinamica perché sarà esattamente la situazione con cui riprende il match. Quando entra in campo un’altra squadra. Pioli nell’intervallo ha toccato evidentemente le corde giuste perché del primo Milan non c’è più traccia.

Lazio scomparsa

,

Ora c’è una squadra cattiva, determinata, incisiva. Convinta di rimettere in piedi la sfida, cosa che accaduta dopo cinque minuti. Leao si mangiato Acerbi in progressione sulla sinistra e ha appoggiato in mezzo per l’accorrente Giroud, che ha anticipato Radu e ha messo dentro. Pareggio, Diavolo padrone del campo, Lazio uscita di scena ea quel punto Pioli si giocato i cambi: Rebic per Diaz, Ibra per Giroud (ancora una volta, niente doppio centravanti) e Krunic per Messias, uscito conto dopo aver s ‘azione personale. Lo scorrere del cronometro ha cancellato definitivamente la Lazio dal campo (crollo inaccettabile nelle dimensioni) e ha permesso a Leao di scatenarsi. Imprendibile, incontenibile, una percussione dietro l’altra, di fronte ad avversari incapaci anche solo di frenarlo. Gli ultimi 15 minuti di partita sono stati un assalto totale: Strakosha ha murato prima Leao e poi Rebic, mentre al 90’ un tiro deviato di Ibra ha sorvolato di poco la traversa. E poi eccolo, l’intervento di re Zlatan. Minuto 92: Rebic ruba palla a Marusic, crossa, Acerbi alza a campanile e Zlatan serve di testa Tonali, libero davanti a Strakosha. Palla in buca e delirio rossonero.

,

Leave a Reply

Your email address will not be published.