la voglia di vincere e l’attitudine a mollare

I l Napoli perde ad Empoli, di rimonta su uno 0-2. Un risultato finale che taglia le gambe a qualsiasi ambizione, spezzata giàta dai deludenti risultati delle due gare precedenti. Ma questa volta c’ qualche rammarico in più, C’è l’insoddisfazione di non aver mostrato mai quel mordente decisivo per concretizzare il risultato. C’è lo sconforto di aver subito tre gol in dieci minuti di blackout totale. E c’è la consapevolezza di aver meritato i fischi arrivati ​​​​a bella partita dai numerosi tifosi accorsi in trasferta.

La formazione partenopea attualmente occupa la terza posizione in classifica, a 5 punti dall’Inter (sempre con una gara da recuperare) ea 7 punti dal Milan capolista. A quattro partite dalla fine, con questi numeri, guardare verso l’alto non più un sano ottimismo, ma disillusa immaginazione. Molto più realistico invece guardarsi le spalle da una juventus che insdia il terzo posto e una Roma che può far traballare anche la qualificazione in Champions League.

Ma perché il Milano ancora lì?

Napoli e Milano: due squadre con rose sulla carta qualitativamente inferiori rispetto all’Inter, campione d’Italia uscente, che hanno però messo in difficoltà i nerazzurri nel corso di questa stagione. Il campionato che volge al termine, infatti, ha visto alternarsi queste tre squadre in vetta alla classifica di Serie A. Il Napoli prima, con l’ottimo avvio di campionato della squadra di Spalletti (otto vittorie e risultati utili consecutivi), il Milan poi e l’Inter ancora dopo. Per poi fare ognuna passi falsi e scambiarsi vicendevolmente le posizioni.

Ad oggi, però, sono quattro le gare rimaste e 12 i punti ancora in palio, Ed qui che si vede la differenza tra chi ha voglia e qualità per vincere tutte le partite e chi invece abituato ad arrendersi a prestazioni di basso spessore.

Napoli Empoli Milano
FOTO: Empoli-Napoli, Insigne

E tale differenza si evince in questa 35esima giornata ancora in corso. l’L’Inter si impone sulla Roma con un risultato finale di 3-1. La Roma stessa che ha pareggiato con il Napoli al 91′ minuto di gioco, dopo che la formazione di Spa è riuscita ad andare a segno solo tramite un rigore trasformato da Insigne. Il Napoli perde di rimonta con l’Empoli: da 0-2 a 3-2 alle soglie dello scadere del tempo regolamentare di gioco. Mentre il Milanodimostrando grinta, cattiveria e voglia di vincere, segna il gol dell’1-2 con la Lazio attraverso i piedi di Sandro Tonali.

La differenza lì. In chi gioca fino allo strenuo delle forze e in pieno recupero riesce a conquistare i tre puntidopo aver subito un gol al 4′ minuto, e chi invece si prende il lusso di concedersi dieci minuti di pausa e prendere tre reti contro un’avversaria che non conquistava i tre punti da sedici partite.

La non corsa allo scudetto, ma fino ad un certo punto

vero, i passi falsi li hanno commessi tutti in questo campionato. Questa lotta stata definita più volte come unanon corsa allo scudetto, Ma fino ad un certo punto, Fino al punto in cui arriva il momento di mostrare e di mandare segnali forti. Fino al punto in cui non più consentito commettere errori e diventa necessario essere perfetti, se non tecnicamente almeno nell’animo. Nel crederci sempre. Nel dare la carica. Fino al punto in cui mancano cinque, quattro, tre, due, una gare al termine e non sono più ammesse disattenzioni,

Questa la differenza. La differenza tra chi vince e chi perde, Tra chi lo vuole con la testa e lo dimostra con i piedi e chi, invece, si arrende mollando sempre un passo prima del traguardo.

Cosa è successo?

Il Napoli non perde lo scudetto con la sconfitta ad Empoli. Al Castellani il Napoli perde la stima dei tifosi e delle cronache nazionali. Perde la speranza di farcela ancora e la fiducia di chi ci crede. Lo scudetto l’ha perso innumerevoli volte nel corso della stagione. L’ha perso facendo solo 30 punti in casa al Maradona, pareggiando con il Verona e perdendo con lo Spezia e con l’Empoli all’andata.

Perché lo scudetto non si vince con sette sconfitte, anche durante il campionato più tirato della storia. Non basta vincere con l’Atalanta se poi non si riesce a fare più di un punto in tre partite, tra Fiorentina, Roma ed Empoli.

Al Napoli ciò che per il Milan, invece, stato la forza trainante in questo campionato: la fiducia in sé stessi, Quella voglia di crederci fino alla fine, anche quando sembra tutto perso. Quella cattiveria agonistica che ti spinge a osare sempre il tutto per tutto, contro qualsiasi avversario. Al Napoli mancato qualcosa che non si giustifica con gli errori individuali dei singoli giocatori, ma con lo spirito di un gruppo intero,

Perché alla fine, la differenza resta sempre quella. Tra chi vince andandosi a preendere ogni punto e chi, invece, attend che giri tutto per il verso giusto,

Leave a Reply

Your email address will not be published.