“La Juve è una famiglia. La promessa di Agnelli e il consiglio di Conte…”

ritorno di carlo tevez un Torino si è svegliato di nuovoanima Tifosi juventini. Gli stessi fan che non hanno mai dimenticato Apache :a Relazione L’amore sbocciato dall’arrivo dell’attaccante argentino a giugno 2013che è sempre lo stesso tevez vive nel cuore e durante quel tempo aColloquio Detto unico. tra aneddoti mai detto e sentimenti speciale, veloce ritirato Il suo magico viaggio con la Key Jersey Voi, “Se penso alla Juve, penso al ‘Barrio’ – L’argentino ha rivelato, rivelando cosa ha provato quando lui è giunto, “Quando sono arrivato alla Juve non pensavo di entrare in un club organizzato come una famiglia. Pensavo fosse qualcosa di completamente diverso. Ho capito subito che era un grande club, ma è anche molto legato al suo radici e il suo DNA. I tifosi bianconeri fanno parte di una grande famiglia, di una grande comunità. E in questo mi sono subito identificato. Questo è ciò che la Juve rappresenta per me”.

Tevez e Allianz tornano allo stadio

carlo tevez È tornato al suo stadio, questa volta da spettatore, per il big match tra Juve e Inter.: “Tornare qui ha risvegliato sentimenti che avevo nel profondo del mio cuore e che è difficile descrivere perché qui ho lasciato un pezzo del mio cuore. Tornare ha risvegliato in me forti emozioni. È stata una bella sensazione.” dargli Eccitazione a Ricordi Riguardo al primo match con la maglia della Juve, Apache ha realizzato un . raccontato aneddoto che lo vede come l’eroe con Antonio Conte, “Ricordo che nella prima partita mister Conte, che sapeva quanto volevo, mi disse che dovevo colpire forte la prima palla perché così sarebbe stato tutto lo stadio. Fu così: gli spettatori si alzarono e il lo stadio è diventato una bolgia”.

Tevez e la maglia n. 10

Nel suo Esperienza alla Juve, tevez dovuto sopportareEredità IMPORTANTE: indossalo per primo numero 10 Dopo Alessandro del Piero, “Indossare la maglia della Juve è stata una bella emozione. E indossare la 10 di Del Piero è stata la ciliegina sulla torta”.– ha rivelato Tevez. Da Del Piero a un’altra leggenda della Juventus, BuffoneChi è stato il primo ad accogliere l’Argentina? “Ci siamo incontrati negli spogliatoi e ricordo Gigi che mi teneva la testa e mi salutava e mi chiedeva: ‘Come stai? “. E ‘stata una bella sensazione”.

bersaglio veloce e migliore

a tevez La Juventus ha fatto esperienza bassoMadre intenso, 96 partite giocare e 50 bersaglio. Tra questi c’era l’Argentina Personaggio principale uno degli indiscussi le stagioni Il più emozionante dell’ultimo decennio bianconero, 2015con max incantato Sulla panchina. Apache non sapeva come scegliere il suo obiettivo migliore, ma ha rivelato i due a cui è più legato:“Uno dei più importanti è stato con il Borussia Dortmund, o uno con il Parma. Ho avuto mio padre allo stadio, è sempre stato il mio primo tifoso e quando è venuto a trovarmi ero tornato il ragazzo che giocava nel quartiere”.

Tevez: “La mia Juve aveva fame di vittoria”

Dai ricordi del campo relazioni con altri giocatori, tevez Non ci sono due modi per farlo: “Il mio migliore amico era la squadra” – Apache ha detto di sì Sottolineato quanto forte molto preoccupato con lui compagne di squadra, “Eravamo tutti molto responsabili e tutti avevamo un grande appetito per la vittoria. Ha fatto sentire bene tutti negli spogliatoi. E questa unità di intenti si è tradotta in campo. E le persone si sentivano come una famiglia”.

Tra l’arrivo di Tevez alla Juve e l’affetto dei tifosi

Ale’portata Tevez alla Juve Sogno molto fan, Dopo anni Manchester CityApache riprende la Serie A, ma vince club bianco nero. una scelta di cui Tevez non si è mai pentito Ricordare quindi: “L’affetto che i tifosi mi hanno dimostrato sin dal primo giorno. Il loro affetto e il loro supporto era esattamente quello di cui avevo bisogno. E in cambio ho dato tutto per loro. I tifosi sono sempre stati nel mio cuore, mi hanno capito subito e ne avevo bisogno lasciare il segno”.

Tevez sul presidente Agnelik

“Sarò sempre grato alla Juve perché mi ha sempre capito” – Solo parole di miele al club che ha creduto in lui e lo ha voluto a tutti i costi. La sua Esperienza alla Juve, tevez Ricordava anche le ultime persone momentilode di Comportamento Club: “La Juve è stata la squadra che quando ho detto che volevo tornare a casa con la mia famiglia ei miei fratelli, ha capito e non si è mai opposta alla mia decisione. E per questo li ringrazio”., Oltre al suo vecchio club, tevez Lui spende ranghi parole anche per il presidente AgnelliAl quale rimase molto legato: “Sono molto grato al presidente Agnelli, che ha poche parole ma che mantiene le sue promesse”. e parlando promettere del Presidente, Apache ha anche detto a aneddoto nella finale di Campioni, “Mi ha detto che se arriveremo alla finale di Champions League, verrà con me sull’aereo”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.