La Formula 1 e il porpoising

Un fenomeno tipico delle monoposto di Formula 1 tra la fine degli anni settanta ei primi anni ottanta, tornato di nuovo alla ribalta. Stiamo parlando del focena, già presente sulle monoposto ad effetto suolo di poco più di quarant’anni fa e tornato nuovamente a manifestarsi nel corso dei test preseason svoltisi nei giorni scorsi a Barcellona. Un fenomeno fastidioso in primis per i piloti, in quanto vedremo si manifesta sopratutto ad alte impedendo così di poter effettuare una buona frenata, ma anche per le squadre, chiamate a trovare delle soluzioni che posa delle soluzioni pe che posa delle velocit impedendo delle rispettive monoposto.

Alla scoperta del porpoising

La prima domanda che un appassionato di Formula uno quest’anno al fine di poter effettuare un maggior numero di sorpassi in gara.
Rispondiamo con il dire che il porpoising, come accennato all’inizio di questo articolo, non un fenomeno nuovo al mondo della Formula 1, in quanto aveva già colpito la precedente classe di monoposto ad effetto fine effetto de suolo che la avenel anni 70 ei primi anni 80, intervista rilasciata in occasione dei test lo scorso 24 Febbraio.

Cosa, dunque, questo porpoising? Osservando la clip sopra riportata, pubblicata dall’account Twitter ufficiale della Formula 1, notiamo la Ferrari guidata da Charles Leclerc forse saltellare nel mezzo del rettilineo a piena velocità, ricordando quasi il movipoisingo tip por da del movipoisingo term. Da un punto di vista prettamente aerodinamico, se in curva con velocità più ridotta la monoposto ad effetto suolo si presenta piuttosto stabile, con l’aumento della velocità in rettilineo (per via dell’effetto classe an precedente di venturi note post alle cres) cres utilizzato fino allo scorso anno il carico aerodinamico generato dall’ala anteriore e diretto attraverso i tubi Venturi verso il fondo della monoposto. Più velocemente si incanala l’aria all’interno dei tubi, più il fondo della monoposto arriverà quasi a sfiorare o toccare l’asfalto, più velocemente si arriverà a un punto di stallo con le sospensioni che spingerannozzer l vet’al carico, ma dando così modo al carico stesso di rigenerarsi vista la maggiore distanza tra fondo e asfalto, spingendo nuovamente la vettura verso il basso. Tutto questo genera quel fastidioso saltellio (il porpoising), che tende a scomparire una volta che viene abbassata la velocità, con il carico aerodinamico che con valori più bassi torna ad essere decisamente più stabile.

Come risolvere questo fenomeno così fastidioso? Il porpoising può essere eliminato durante il lavoro sulle altezze da terra, ottimizzando al contempo il carico aerodinamico destinato al retrotreno così come la taratura delle sospensioni.

Bisogna dire che, secondo quanto rivelato dal Responsabile tecnico della F1 Pat Symonds al magazine tedesco Auto Motor und Sport, la Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) per risolvere il possibile ritorno diposi pie del porpoising re pro squad fondi del porpoising reà la pro vettura di 25 mm verso l’alto, ma sarebbe stata rifiutata dalle squadre perché erano ormai già in fase avanzata di progettazione.

McLaren e la soluzione anti porpoising

Una volta rifiutata questa soluzione proposta dalla Federazione, alle squadre rimane una sola cosa da fare: portare le monoposto in pista, e vedere se (come presumibile) sarebbe stato o meno presente il focena, Come si vede chiaramente nei primi due giorni di prova a Barcellona, ​​​​il porpoising era presente un po’ su tutte le vetture. Se in casa Ferrari per ovviare a questo tipo di problema stato introdotto nell’ultimo giorno di test a Barcellona un nuovo fondo (che ha dato subito dei buoni risultati) mentre altri team hanno utilizzato delle soluzioni provvisorie in attesa di una soluzione definitiva da portare alla sessione di test ufficiale che si svolgerà in Bahrain dal 10 al 12 marzo, Sky tv (con sul 12 marzo ), Alpino e sopratutto McLaren sono sembrate le monoposto meno soggette a porpoising. Se nel caso della monoposto francese è stato decisivo scoprire il porpoising nel corso del filming day (cosa che ha portato la squadra guidata dal neo Team Principal Otmar Szafnauer a trovare il corretto bilanciamento aerodinamico della macchinacercando un compromesso tra velocità massima ottenibile in rettilineo con quella raggiungibile nelle curve veloci), nel caso della scuderia di Woking è andato decisamente oltre.

Silla McLaren MCL36infatti, con velocità molto alte in retilineo i lati del fondo vettura vanno a piegarsi verso l’asfaltoaspirando all’aria di fuoriuscire una volta che il fondo va a l’asfalto, e andando così ad eliminare il tocco del porpoising.
Una soluzione, quella McLaren, che potrebbe venir testata anche da altre squadre nella sessione di test ufficiali in programma in Bahrain. Con quali risultati saranno solo i test a dirlo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.