Il tema del confronto tra Sarri e il club

Calciomercato Lazio, nome e programmazione: il tema del confronto tra Sarri e il club

TUTTOmercato WEB.com

© Foto di Daniele Mascolo

Salvo un incontro casuale, L’incontro era programmato da tempoLotto ha anche posticipato alcuni impegni istituzionali (previsti per il tardo pomeriggio) per parlare con Sarri e Tare. Il trio è rimasto a cena al centro sportivo, l’incontro prevedeva caffè e digestione, si sono allungati fino a mezzanotte, indicando che lo scopo dell’incontro era discutere, studiare, pianificareE. Sono stati toccati vari argomenti, se parli cinque ore al giorno non lo fai solo per discutere di questo e di quello. Lotto vuole continuare con Sarri, Lotto non ha mai avuto ripensamenti: è vero che ha rimandato il rinnovo, vuole vedere come andrà a finire la stagione, ma la sua idea di fondo è sempre quella di chiedere al tecnico almeno fino al 2023. Essere legato.

Maurizio cerca sicurezza, vuole essere al centro delle strategie aziendali, vuole dire la sua sul mercato, vuole essere determinante nell’individuare caratteristiche e qualità dei prossimi giocatori. Il caso Cabral, giocatore che Sarri non conosceva e che non aveva mai tifato, non si può più ripetere. Dobbiamo trovare un terreno comune per lavorare con il direttore sportivo, il rapporto tra i due non è mai stato caldo, ma lo ha decretato Lotto, dobbiamo collaborare per il bene comune che è la Lazio. Tare e Sarri ci stanno provando, da tre settimane guardano i giocatori su WiScout, discutendo, scendendo a compromessi. Sergio Rico potrebbe essere il primo punto d’incontro, Il portiere gioca in prestito per il Maiorca, di proprietà del PSG, ed è assistito da agenti simili a Luis Alberto. Costa 5 milioni, si può prendere in prestito con diritto di riscatto, questo è un fattore da considerare visti i tanti interventi che dovrà fare la Lazio. Cragno si è offerto, ma costa troppo (15 milioni) e non assicura del tutto al tecnico che Carnescchi gli piacerà ma anche qui il costo è alto, con l’Atalanta che parte con una richiesta di oltre 15 milioni di bonus. Golini è un’ipotesi che non va scartata, ma per ora è in secondo piano.

per proteggere, ok a L’intesa tra Romagnoli, allenatore e società è totale sul profilo di Angio Plante., ora bisogna trovare la piazza con Raiola. Non è molto facile, ma si può fare. La Lazio ha offerto un quinquennio da oltre 3 milioni di dollari di bonus (non è facile centrare tutti), tra la quota fissa e le condizioni per ottenere il premio che richiede un altro tentativo. Poi c’è anche la questione del regolamento delle commissioni. La Lazio deve affrettarsi, evitare di coinvolgere altri club (Juve e Siviglia in agguato), intenta ad affondare il colpo nel giro di pochi giorni. Il nome Casale è patrocinato da Sarri, Piace tanto al tecnico, non troppo convinto da Tare e Lotto, che resta indietro rispetto alle cifre richieste da Seti, che adesso tira più dei 10 milioni richiesti a gennaio. Ne riparleremo, con Sarri che cerca di convincere Ds e il presidente. Nei giorni del confronto tra DS e Coach sono emersi i nomi di Thiet (Bologna) e Ferrari (Sassuolo)., sono due mancini, come Romagnoli. Opzione giocatore Milan o contemplando Rossoneri 13? Molto dipende da Acerbi, se se ne andasse, per quanto oggi possa sembrare plausibile, allora uno dei due potrebbe venire anche a Formello con Romagnoli. La Ferrari guarda avanti in termini di costi e stile di gioco.

Vedere i nomi per la mediana Allen e casinò, profili diversi, ma che Sarri conosce benissimo. I brasiliani potrebbero tornare di moda in caso di confronto tra Milinkovic e Luis Alberto (Sarry non vorrebbe dire addio a entrambi), L’Uruguay a parametro zero è un’opportunità che la Lazio cercherà di cogliere, Soprattutto l’attaccante è ricercato nella proprietà deputata, Occhio a un altro “Ciro”, quel Mertens che saluta il Napoli e cerca una nuova avventura., Ha uno stipendio di 4 milioni l’anno, a quanto pare troppo alto per la Lazio. Sarebbe necessaria una sostanziale detrazione, magari con opzione operante su base annuale. Ci sono stati contatti prima, non siamo ancora arrivati ​​in fondo. Ma Sarri faceva carte false per tenere lì due teste. Poi c’è il capitolo delle uscite, un aspetto fondamentale della programmazione futura della Lazio. Romero è un gioiellino, il suo contratto scade nel 2023, ci pensa il PSG, la Lazio deve metterla in sicurezza e rinnovarla, altrimenti è meglio venderla subito e ottenere plusvalenze, il valore della tessera è di 20 milioni. Milinkovic preferisce PSG e United, ipotesi italiana quasi impossibile al momento. Luis Alberto sogna di tornare al Siviglia, ma gli andalusi non offrono più di 20 milioni e la Lazio chiede almeno altri 30 bonus. Ci pensa la Juventus, Allegri vuole una mezla di qualità, ma il primo nome della lista bianconera è de Paul.

Pubblicato il 07.04

Leave a Reply

Your email address will not be published.