Da Empoli ad Empoli, la favola napoletana e la sua morale: “Ci risiamo!”

Da Empoli a Empoli, sei punti bruciati dal Napoli contro il suo fantasma toscano. un tab quello degli azzurri contro la squadra di andrezzoli, non solo per quanto riguarda questa stagione. L’ultima vittoria dell’empoli risale proprio alla gara al Maradona, da lì in poi una sfilza di risultati negativi (otto pareggi e otto sconfitte) che hanno tormentato il club del presidente Corsi. mentre al castellaniin nove incontri di Serie AI l Napoli ha vinto una sola volta, nella stagione 2016/17.

Una vera e propria congiura che anche stavolta non ha lasciato scampo, abbandonando definitivamente ogni speranza per il titolo e mettendo addirittura a penitenaglio il terzo posto. Nulla di più assurdo che scatena di conseguenza la rabbia partenopea, la quale perde la fiducia propria attraverso i quattromila fischi al Castellani.

Addio Scudetto, i tifosi sono spazientiti: forse si preteso troppo?

Empoli-Napoli si preannuncia bene con il tanto entusiasmo da parte dei tifosi e un castellani inondato dall’animo azzurro, registrando 6.000 tagliandi venduti tra cui 3.800 sostenitori partenopei. Una grande dimostrazione d’affetto, nonostante le brutte prestazioni di Fiorentina e Roma.

Forse stato proprio questo a scatenare un clima d’agitazione a fine partita, tra i tremendi fischi e il nervosismo di Osimhen, Ma forse questo Empoli-Napoli anche la dimostrazione di un Napoli puntualmente impreparato e la risposta di tifosi spazientiti.

Facendo un dietrofront, solo due settimane fa si parlava esclusivamente della lotta al titolo e in soli 14 giorni lo scenario assume ben presto tutto un altro sfondo, consegnando ancora una volta il primato nelle mani delle due milanesi. Ma il ruolo di domanda però assume un altro: si preteso troppo?

Di fatto il Napoli non ha deluso le aspettative e tanto meno ha fallito il suo obiettivo. Il traguardo era la sola Champions League elo Scudetto sarebbe stato solo la miglior gratificazione di un lungo lavoro. Ma la rabbia resta una conseguenza del fallimento di più stagioni, a partire dal 2018. ammutinamento,

Questa semplicemente la favola napoletana che, mentre ambisce al suo sogno, al contempo mette a rischio anche le sue certezze. La morale solo una: non bisogna pretendere troppo dalle proprie possibilità. Per un traguardo di una certa importanza, necessità un’altra preparazione.

Osimhen-Empoli-Napoli
Victor Osimhen, Empoli-Napoli

Dalla lotta allo scudetto al terzo posto a rischio: cosa successo al Napoli?

Il Napoli non perde la prossima possibilità dei tre punti, ma perde in classifica rinviando alla gara la qualificazione aritmetica all’Europa. Con quest’ultima sarebbe la 13esima apparizione europea degli azzurri dopo la cavalcata di mazzarri nel 2009/2010, che riportò il Napoli dopo 15 anni in Europa League. Da quella stagione in poi, i partenopei hanno dato inizio a una lunga sfilza di qualificazione, addirittura la più lunga in Italia.

Dopo il raddoppio siglato da Insigne, sembrava tutto quasi fatto annunciando già anche la bellissima notizia, La sorte però a volte gioca uno strano destino e, invece di ufficializzare la qualificazione in Europa, mette a rischio il Napoli al terzo posto. Un blackout che ha travolto in ben tre match gli azzurri, trasformando completamente l’atteggiamento della squadra che quasi appare speso e indifferente alla posta in palio.

Sotto inchiesta vanno io cambi colpevoli di sconfitte, le carenze dei grandi vieni Zielinski, gli infortuni che hanno fermato tra l’altro di lorenzo e il fatto che sarebbe basato semplicemente giocare più di 20′. Vieni con la fiorentinacosì come la Roma: il Napoli perde la lucidità dopo appena 20′ consegnando completamente la partita nelle mani delle avversarie. Mentre stavolta con i toscani, i colpevoli non sono i venti minuti. Il primo tempo assume un carattere spento, privo di iniziativa, fino al gol di Dries Mertens al 44′ che riaccende il brio partenopeo. Il gol del partente Insignepoi getta, inganna e la partita verràta via tra gli errori di Malcuit e Meret, I tre gol distruggono il suicida Napoli, l’unico responsabile dell’ennesima disfatta.

Una disfata che accantona le speranze e che reclama il 1942, come ultima sconfitta rimediata dopo essere passati in vantaggio di due goal. Crollano definitivamente le certezze, mentre i senatori Mertens e Insigne chiudere la loro storia d’amore in un finale di stagione del tutto agitato. Di conseguenza, inizia il conto alla rovescia della stagione in corso che vedrà una nuova sessione estiva di preparazione, la quale anch’essa sarà intitolata “Rivoluzione”. Allora la città borbonica si nasconde dietro la sua rabbia e si pone un esame di coscienza con un unico interrogativo: si parla sempre di rivoluzione e cambiamento, ma avverrà mai realmente? Cosa necessiterà?

Sara Madonna

RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Reply

Your email address will not be published.