Basket Serie A, Trento in cerca di successo ma niente da fare contro il Brescia. Pagella

Brescia. battere la terza forza del campionato, questa è l’azienda a cui sono chiamate le persone di Coach Molin. Al rientro dalla vittoria contro Trieste, i bianconeri hanno bisogno di una vittoria Aprendo e confermando il risultato positivo riscontrato tra le mura di casa, Per sconfiggere la terza potenza italiana, però, il popolo trentino avrebbe bisogno di tutto l’aiuto possibile. Speriamo Flaccadori. in una nuova super performance di (oltre 20 punti contro Trieste), ma in generale a buona prestazione di tutto il gruppoquello necessario Essere in grado di giocare come una squadra e tornare a vincere,

i primi minuti di gioco un basket particolarmente lentoDove i canestri non sono abbondanti e si presta maggiore attenzione alle prestazioni difensive, Bianconeri appoggiati anche a Caroline 4-6. riesce a sfruttare al meglio Cinque minuti dall’inizio. Il gioco da 4 punti di Della Valle, però, proietta in avanti i bresciani e avvia un parziale di 10-2, lasciando alle spalle il Trentino e costringendo Molin a chiamare un timeout. Per ristabilire l’ordine tra il suo popolo. Purtroppo i segnali del tecnico bianconero non hanno effetto e L’Aquila resta quasi asciutta fino alla fine del primo periodo, che Chiude con copiosi guadagni del Brescia (26-12).

Il secondo trimestre vede il rientro Un’energia dolomitica completamente diversa, Gli uomini del Trentino tornano a produrre in attacco e a fermare gli avversari in difesa, Rientrare in campo e riaprire il match con il parziale di 7-0, Ma basta un minuto di conversazione con coach Magro. Il Brescia torna al comando del gioco, Questa volta L’Aquila è pronta Non lascia molto spazio ai padroni di casa per chiudere quarti con 13 punti (45-32).

uscire spogliarelliste Trento riesce ad imporsi all’inizio del secondo periodo, portando al 5-0 i padroni di casa., Tuttavia, Lionessa aumenta immediatamente il regime del motore e Reagisce con un 7-0 che costringe Molin a chiamare in panchina i suoi, il timeout non ha effetto e Il Brescia avanza, portando il vantaggio a 20 punti e mise Trento in seria difficoltà. Alla fine i bianconeri trovano un Bradford incredibile Quasi autografato da lui stesso (2 punti sono di Caroline) a 11-2 parziale, che mette l’Aquila in condizione di provare a recuperare (63-52),

nel round finale I trentini hanno l’occasione di mettere seriamente a repentaglio il vantaggio di Leonesa, insieme a 4-0. piccola frazione di I bianconeri infatti vanno a -7, che mette sotto pressione i padroni di casa. Il Brescia ha risposto molto bene frenando l’attacco dell’Aquila e allargando il divario tra le due squadre., Dolomiti Energia non riesce a salire ed entrare Problemanon è più in grado di fare una buona azione o fermare i giocatori biancoblu in attacco, che nel finale riescono a spingersi fino a un devastante +24, chiudendo così definitivamente la partita (86-62).

Johnson 4 – Niente a che vedere con il numero 0 del Trentino impossibilitato a parlare per 19 minuti di utilizzo. Con solo 2 punti, percentuale recensibile e scarsa partecipazione dei compagni di squadra, c’è ancora molto da rivedere.

Bradford 6 – Sicuramente impressionante alla fine del terzo periodo, quando carica la squadra sulle spalle e riapre il gioco, ma non riesce a stupire particolarmente per il resto della partita.

Williams 6,5 – Alla fine si torna a vedere una Williams abbastanza in forma per difendere e segnare sotto canestro. Peccato che alla fine sia morto un po’, ma non certo una performance da buttare via.

Reynolds 5,5 – Contro i tiratori del Brescia, la principale offensiva bianconera avrebbe richiesto qualche reazione in più da terminale, reazioni che non sono arrivate dalla lunga distanza (1 su 5). Anche per questo un fatturato piuttosto alto.

GAYE – NE

Edizione 6 – Non ha molto spazio in campo, ma fa quello che deve fare, anche se a volte viene ridicolizzato dai giocatori più esperti del Brescia in difesa.

Morina – Nordest

forre 6 – Prestazione offensiva da dimenticare, ma ottimo sforzo difensivo del capitano, che quando in campo limita anche il pistolero più temuto della Leonessa.

Flacadori 4,5 – Forse la schiena non è ancora del tutto guarita, ma i flacadori visti stasera sono lontani anni luce da quelli visti domenica contro il Treviso. 12 non riesce a segnare, il Brescia lascia scappare i tiratori e perde anche 5 palloni.

mezzanotte – nord-est

Scala 5,5 – Bravo in difesa, ma in attacco gli manca la volontà e la determinazione di buttarsi sotto canestro e cercare qualche punto in più.

Carolina 6 – Fornisce la sua normale intensità alla vernice, anche se i risultati ottenuti durante la partita sono molto variabili.

Moline 5.5 – L’allenatore è stato chiamato a cercare di portare a termine un’impresa molto difficile. Tuttavia, sebbene in alcune occasioni i bianconeri abbiano minacciato di riaprire il gioco, non hanno mai potuto mettere in discussione concretamente il risultato finale.

Basket Tedesco Brescia – Dolomiti Energy Trentino 86-62

(26-12; 19-20; 18-20; 23-10)

Dolomiti Energetiche Trentino. Johnson 2, Bradford 9, Williams 15, Reynolds 9, Gay, Conti 4, Morina, Foray 5, Flacadori 5, Midnight, Ladner, Caroline 13. Allenatore: Emanuel Molin.

Basket tedesco Brescia. Gabriel 18, Moore 6, Mitro-Long 13, Mobio, Petrucci 12, Della Valle 16, Iboa 7, Parrillo, Burns 6, Laquintana, Rodella, Moss 8. Allenatore: Alessandro Magro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.