Aggiornamenti: il bilancio dopo quattro gare – Formula 1

Il ritorno della Formula 1 nel Vecchio Continente ha preferito l’introduzione di diversi aggiornamenti da parte delle squadre. L’anomalo format della Sprint Race, con una sola sessione di prove libere prima dell’entrata in vigore del regime di parco chiuso, ha alcune scuderie a desistere dal portare novità in pista, ma gran parte spinto del parco partenti non ha rinunciato agli agli già pronti. Tra queste rientra Toro Rosso, dominatrice assoluta della fine settimana imolese, che ha potuto contare su alcune migliorie apportate alla RB18. In particolare, si segnala l’impiego di componenti meccanici alleggeriti, tra i quali spiccano delle nuove pinze freno sviluppate in collaborazione con Brembo, e l’apposizione di un generatore di vortici all’ingresso del fondo piatto. Tale era soluzione stata introdotta per prima da Aston Martin, per poi essere successiva ripresa da Ferrari.

proprio la Scuderia di Maranello ha disputato il week-end imolese nella stessa configurazione di Melbourne, ad eccezione della tradizionale alternanza tra i flap e le ali da diversi livelli di carico già a disposizione del team. Binotto ha annunciato l’arrivo di una nuova ala posteriore per Miami con l’obiettivo di migliorare l’efficienza aerodinamica, fondamentale su una pista ad alta velocità quale quella americana. Gli aggiornamenti più sostanziosi arriveranno però a Barcellona, ​​​​dove atteso un nuovo studiato fondo per mitigare il fenomeno del porpoising, così da ridurre l’altezza da terra e aumentare la generazione di carico dal fondo.
A Imola Mercedes ha apportato diverse modifiche alla W13, che un dispetto del numero si pongono però quali affinamenti più che veri e propri correttivi. Si registrano in particolare l’aumento delle appendici ai lati dell’abitacolo per aumentare l’apporto di aria ai radiatori laterali, alcune a fondo e diffusore per migliorare la stabilità del retrotreno e l’assottigliamento d etti support care degli retrovisori della care degli spec della cura degli spec struttura d’impatto laterale per ridurre il rischio di distacco del flusso dalle superfici.

In riva al Santerno McLaren ha corso nella stessa configurazione di Melbourne. In Australia MCL36 erano state apportate dalle nuove appendici aerodinamiche esterne alle prese d’aria dei freni posteriori, che sulla vettura dopo la disastrosa prestazione in Bahrain. Si ha così la conferma di quanto il team di Woking stia crescendo grazie alla sola comprensione della monoposto.
In Emilia Romagna sono da segnalare anche le modifiche al fondo per Alpine e Alpha Tauri, La scuola di Faenza ha profondamente rivisto l’aerodinamica del sottoscocca e Franz Tost ha confermato che gli aggiornamenti si sono comportati come previsto. Le vetture faentine hanno iniziato una qualifica deludente, ma la successiva rimonta, in particolare di Yuki Tsunoda, invita a monitorare con attenzione la vettura nei prossimi appuntamenti.

Alfa Romeo ha disputato il Gran Premio del Made in Italy con modifiche alle pance nella delicata zona antistante il cambio, cruciale per la gestione dei flussi diretti al diffusore. Novità aerodinamiche anche per Williamsmentore Haas ha preferito rimandre a Miami il nuovo fondo sviluppato per ridurre il fenomeno del porpoising. Il direttore tecnico Simone Resta ha confermato la scelta stata presa a causa delle condizioni meteo avverse durante l’unica sessione di prove libere del venerdì.

MERCEDES
-Bahrain: fidanzate e radiatori; musetto con un maggiore scavo nella parte inferiore; fondo vettura (rigettata la seconda versione provata nelle FP1 Gran Premio); nuovi profili terminali dell’ala anteriore per modifiche al bilanciamento aerodinamico; affinamento deflettori verticali dei cestelli dei freni posteriori.
-Arabia Saudita: doppia specifica di ala posteriore a basso carico;
-Australia: /
-Imola: appendici downwash a centro vettura per aumentare l’apporto di aria ai radiatori; riprofilatura specchietti e cura della struttura d’impatto laterale per ridurre il distacco del flusso; alleggerimento fondo; rialzo del fondo davanti alle ruote posteriori e nuove bandelle esterne del diffusore per aumentare la generazione di carico al retrotreno.

TORO ROSSO
-Bahrain: lieve rastrematura delle fidanzate; affinamento ala anteriore; nuove bandelle verticali del diffusore posteriore.
-Arabia Saudita: allargamento prese d’aria di raffreddamento dei freni anteriori; aggiunta ala posteriore e trave ala da basso carico.
-Australia: nuovi endplate dell’ala anteriore alleggeriti con un diverso andamento del diveplane.
-Imola: generatore di vortici all’imbocco del fondo piatto; alleggerimento componenti meccanici.

FERRARI
-Bahrain: progressiva evoluzione del fondo attraverso modifiche in successione durante i test.
-Arabia Saudita: ala posteriore da medio-basso carico.
-Australia: diverso disegno della rampa centrale del diffusore (provato al venerdì).
-imola: /

McLAREN
-Bahrain: nuove prese d’aria di raffreddamento dei freni anteriori; nuove bandelle del diffusore posteriore; generatori di vortice sui sidepods.
– Arabia Saudita: /
-Australia: nuove appendici aerodinamiche esterne alle prese d’aria dei freni posteriori.
-imola: /

ALPINO
-Bahrain: riposizionamento radiatori; fondo, fiancate.
-Arabia Saudita: ala posteriore da basso carico.
-Australia: nuove bandelle verticali nella sezione di ingresso dei canali Venturi sul fondo; nuove appendici aerodinamiche esterne alle prese d’aria dei freni posteriori.
-Imola: nuovo fondo.

ALFATAURI
-Bahrein: /
-Arabia Saudita: ala posteriore da basso carico.
-Australia: /
-Imola: nuove prese d’aria dei freni anteriori; nuove bandelle esterne del diffusore; completa rivisitazione del fondo: bordo esterno, altezza della sezione di ingresso, griglia anteriore

ASTON MARTIN
-Bahrein: fondo; nuovi specchietti retrovisori; riprofilatura prese d’aria dei radiatori laterali; nuovi specchietti retrovisori; accorciamento della bandella esterna dinanzi alla sezione d’ingresso del canale Venturi del fondo.
-Arabia Saudita: ala posteriore da basso carico.
-Australia: ala posteriore a maggior carico a profilo retilineo
-imola: /

WILLIAMS
-Bahrein: /
-Arabia Saudita: ala posteriore da basso carico.
-Australia: trave-ala a maggior carico; diverso andamento dei condotti di raffreddamento delle prese d’aria dei freni anteriori.
-Imola: nuova ala posteriore; affinamento della carenatura del braccetto del triangolo superiore della sospensione anteriore anteriore; rimozione parziale della vernice per ridurre il peso.

ALFA ROMEO
-Bahrain: nuove prese d’aria di raffreddamento dei freni anteriori.
-Arabia Saudita: nuove appendici esterne delle prese dei freni posteriori; riprofilatura dei braccetti della sospensione posteriore a scopo aerodinamico; ala posteriore da basso carico.
-Australia: /
-Imola: nuove pance modificate nella zona coca-cola; modifiche al fondo nella parte anteriore; nuove prese d’aria dei freni posteriori.

HAAS
-Bahrein: fondo.
– Arabia Saudita: /
-Australia: diffusore.
-Imola: nuovo fondo per ridurre il porpoising (non impiegato, rimandato a Miami causa maltempo)

FP | Carlo Platela

RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Reply

Your email address will not be published.